Benvenuti nel nostro corso sul linguaggio Php7. Nei video seguenti vi offriamo una parte del nostro corso per farvi valutare se acquistarlo o meno su una piattaforma esterna d
Corso php7
Feb/01/2017 Video corso Html5
 Apprendi le basi dell'html5 e le sue novità. Imparerai in questo minicorso i nuovi tags semantici, le novità nei forms, ed infine i canvas, drag and drop e le api google. 
Video corso Html5
Nov/14/2016 Video corso Jquery: Impara le basi ed estendi le tue skills in Javascript
Conosci le basi di javascript e vuoi scrivere meno codice ed essere produttivo?. Allora non ti resta che imparare le basi della libreria Jquery. Si tratta di una libreria java
Video corso Jquery: Impara le basi ed estendi le tue skills in Javascript
Ott/21/2016 Video Corso sul CSS 3
Il corso tratta dei fogli di stili a cascata cioè il CSS. Si tratta di un linguaggio che ci consente di stilizzare le nostre pagine web e quindi di estendere le funzionalità d
Video Corso sul CSS 3
Ott/19/2016 Tutorials Drupal 8
In questo video analizzeremo passo passo tutte le fasi per la creazione e pubblicazione on-line di un sito web costruito con drupal 8.
Tutorials Drupal 8
Lug/01/2016 I nostri progetti su git
Guarda i nostri progetti su github:

I nostri progetti su git

I nostri progetti su git
Mag/23/2017 Video Corso Laravel
Impara a sviluppare applicazioni con il framework Laravel. Ti insegneremo a utilizzare il framework per creare rapidamente applicazioni web modulari e facilmente manutenibili.
Video Corso Laravel
Ago/01/2016 Corso php7
Antonio Mercurio

Antonio Mercurio

URL del sito web: http://www.w3web.it
23 SP_MAGGIO 2017

Per inserire codice javascript all'interno dei documenti html dobbiamo prima creare in un nostro editor preferito un file per esempio di nome javascript.html. Ogni file vuoto senza altro in html avrà sicuramente questo blocco di codice e questi tags.

<!DOCTYPE html>

<html lang="en">

<head>

    <meta charset="UTF-8">

    <title>Title</title>

</head>

<body>

</body>

</html>

Il nostro codice javascript va inserito tra i due tags <body></body> in questo modo:

<!DOCTYPE html>

<html lang="en">

<head>

    <meta charset="UTF-8">

    <title>Title</title>

</head>

<body>

<script>

</script>

</body>

</html>

Come vediamo il codice va inserito fra due tags <script></script>. Questa è la prima maniera ma esiste un altro modo ed è quello di inserirlo nella sezione <head></head> in questo modo:

<head>
<script>
--------codice-----

</script>
</head>

Questo modo è utile quando dobbiamo caricare per prima il codice javascript all'apertura della pagina. Esiste un ulteriore modo ed è quello di realizzare una pagina che abbia solo codice javascript e che termina con estensione .js. Salvate la pagina appena creata e create un'altra pagina di tipo javascript che avrà estensione .js. La pagina chiamatela test.js. Ora quando avete una pagina di tipo javascript non dovete usare i tags <script></script> non servono ma potete scrivere codice direttamente. Ora salvate la pagina ed includiamola nella pagina html che abbiamo creato in precedenza. Per farlo aprite la pagina html e nella sezione <head></head> scrivete così

<script src="/test.js">
</script>

In pratica nel primo tag <script> inseriamo l'attributo src per ricercare la pagina javascript da usare come codice. Quando vorrete richiamare codice di quella pagina nella pagina html sarà possibile in quanto avete incluso la pagina javascript con il comando di cui sopra.

Pubblicato in Javascript
Etichettato sotto
23 SP_MAGGIO 2017

Nei tutorial precedenti abbiamo visto come creare una connessione al database e come sfruttare questa connessione per creare una tabella denominata utenti. E' arrivato il momento di inserire alcuni utenti nella nostra tabella tramite le query Mysql.

Immaginiamo di inserire questi utenti:

NOME COGNOME EMAIL
tony mercurio Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
fabio zotti Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
peppe rossi Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Le colonne denominate Nome, cognome, email, provengono dalla tabella che abbiamo creato in precedenza nel nostro tutorial. Ecco il codice per eseguire l'inserimento. Prima create una pagina php denominata inserisci.php. In essa inserite questo codice:

<?php
//tentiamo la connessione al database in cui inserire i dati

include'connesione.php';

try{

    $sql='insert into utenti (nome,cognome,email,data_iscrizione)
    
    
    VALUES (\'tony\',\'mercurio\',\'Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.\'),
    
    (\'fabio\',\'zotti\',\'Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.\'),
    
    (\'peppe\',\'rossi\',\'Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.\',)';

    $pdo->exec($sql);

    echo'inserimento avvenuto con successo';

}catch(PDOException $e){
    
    echo'errore di inserimento'.$e->getMessage();
}

Nella prima riga stabiliamo la connessione al database. Poi nel blocco try inseriamo la query racchiusa nella variabile $sql. In questa query usiamo il comando Insert che serve ad inserire dati seguito dalla parola into che vuol dire dentro e segue il nome del database i cui inserire i dati. Poi i campi da riempire li inseriamo in ordine
tra parentesi separati da virgola. Segue la parola values (valori) e tra parentesi inseriamo nell'ordine separati da virgole i vari utenti. Per ogni utente si usa doppia parentesi e i valori dei campi (nome, cognome, email) separati da virgole.Dato che una email, un nome e un cognome sono stringhe li racchiudiamo fra singoli apici e usiamo il simbolo di escape \ in quanto la query stessa è racchiusa fra singoli apici. Ogni nuovo utente è poi separato da una virgola. Seguono poi comandi che già conoscete se avete seguito i tutorial precedenti. Ora visitate la pagina e controllate che abbia inserito i dati nel database.

Pubblicato in Php
Etichettato sotto
23 SP_MAGGIO 2017

Nel tutorial precedente abbiamo creato una tabella utenti che contiene i campi nome,cognome, email, data_iscrizione. Vogliamo eliminare l'ultimo cioè la data. Per farlo dobbiamo usare una query sql che adesso vediamo. Create un file php di nome elimina_colonna.php. In essa inserite questo codice:

<?php

//il file è stato chiamato sin dall'inizio per sbaglio connesione. In ogni modo effettuiamo la connessione al database

include'connesione.php';

try {

    $sql = 'alter table utenti DROP COLUMN data_iscrizione';

    $pdo->exec($sql);

    echo 'cancellazione avvenuta con successo';

}catch (PDOException $e){

    echo'impossibile cancellare la colonna'.$e->getMessage();
}

$pdo=null;

Spiegazione del codice.

La prima riga serve a stabilire una connessione al database. Il blocco try contiene nella variabile $sql la nostra query sul database. In pratica per modificare una tabella cancellando una parte della sua struttura usiamo il comando alter seguito dalla parola table e dal nome della tabella da modificare. Poi siccome dobbiamo eliminare la colonna usiamo il comando drop column e il nome della colonna data_iscrizione. Il comando successivo $pdo->exec($sql) già lo conosciamo e serve a richiamare sull'oggetto $pdo il metodo exec che esegue la query che inseriamo tra parentesi. In caso di errore segue il catch che cattura l'errore sollevando un'eccezione che già conosciamo. Il codice è disponibile negli allegati all'articolo.

Pubblicato in Php
Etichettato sotto
23 SP_MAGGIO 2017

In questo articolo vediamo come creare una tabella usando la connessione PDO. Nel nostro articolo precedente raggiungibile a, questo indirizzo abbiamo creato un database di nome pdo e un utente di nome pdo e password pdo. Abbiamo creato poi un file di nome connessione.php. Ora creiamo un nuovo file di nome tabella.php.

Al suo interno inserite questa istruzione:

<?php

include'connessione.php';

Questa istruzione non fa altro che includere nel documento corrente tutto il codice della connessione ed in pratica avvia la connessione al database. E' un modo per evitare di dover riscrivere tutto il codice della connessione nel documento corrente. Siccome il file connessione.php si trova nella stessa cartella all'interno degli apici del comando di cui sopra possiamo scrivere direttamente il nome del file, altrimenti nel caso in cui si dovesse trovare in una cartella diversa dovremmo specificare il percorso completo.Questa connessione è necessaria altrimenti non potremmo creare al suo interno delle tabelle. Ora creiamo una tabella di nome utenti con il seguente codice:

try{
    $sql='create table utenti (


id_utente INT NOT NULL auto_increment PRIMARY KEY,

nome VARCHAR (128),

cognome VARCHAR (128),

email VARCHAR (52) UNIQUE,

data_iscrizione DATE NOT NULL)

DEFAULT CHARACTER SET utf8 engine=innodb';

$pdo->exec($sql);

}catch (PDOException $e){

echo'impossibile creare la tabella'.$e->getMessage();
}
$pdo=null;

Nel blocco try abbiamo inserito nella variabile $sql la nostra query sql con il comando create table utenti stiamo dicendo di creare una tabella utenti poi tra parentesi tonde  dobbiamo inserire separati da virgole e su ogni riga i campi della tabella. Il primo campo si chiama id_utente ed indica un campo intero (int) non nullo (not null)
e auto incrementante e come chiave primaria. In pratica ogni volta che creiamo un utente questo campo si incrementa di uno. Il campo nome è di tipo alfabetico e  variabile da zero a 128 caratteri, mentre il campo email fino a 52 caratteri ma è unico. Nel senso che non ci potrà essere un altro campo con la stessa email. Infatti abbiamo usato unique come attributo. Poi l'ultimo campo è una data non nulla (date not null). Segue la definizione del tipo di caratteri accettato e cioè default character set come utf8 e il motore interno engine=innodb. Per consentire l'esecuzione della query c'è l'istruzione $pdo->exec($sql). Exec è un metodo che ha come argomento tra parentesi la query da eseguire. Il metodo come al solito lo impostiamo sull'istanza della classe PDO e cioè l'oggetto $pdo. Coome al solito in caso di problemi solleviamo l'eccezione con il catch come già sappiamo. Infine la connessione non serve più e la rendiamo null. Ora visitate la pagina e vedrete che il vostro database avrà una tabella utenti. Il codice dell'articolo è scaricabile qui:

Pubblicato in Php
Etichettato sotto
23 SP_MAGGIO 2017

In questo articolo mostriamo come creare una connessione ad un database tramite il PDO (PHP data object). In pratica si tratta di un driver di connessione al database che sfrutta il paradigma ad oggetti e che consente di potersi interfacciare  al database usando più dialetti SQL, come MYSQL,  ORACLE ed altri. Immaginando di essere in locale sul nostro pc Linux Windows o MAc avviamo phpmyadmin come gestore grafico del nostro database. Creiamo un database che possiamo chiamare pdo e creiamo un utente di questo database per esempio nome utente (pdo) e password (pdo) e come server dovete scegliere localhost. Ora nel vostro editor php create una cartella con un qualsiasi nome e dentro un file php di nome connessione.php. Al suo interno inserite il seguente codice:

try{
$pdo=new PDO('mysql:host=localhost;dbname=pdo','pdo','pdo');

$pdo->setAttribute(PDO::ATTR_ERRMODE,PDO::ERRMODE_EXCEPTION);

}catch (PDOException $e){

echo'errore di connessione'.$e->getMessage();
}

Nella prima riga abbiamo creato una variabile di nome pdo che non è altro che una istanza della classe chiamata PDO che è una classe predefinita e che dovete chiamare sempre così. Tra parentesi tra singoli apici dovete inserire una sezione chiamata dsn, ed è mysql:host=localhost;dbname=pdo. La prima parte è sempre così e va scritta uguale, l'unica che dovete cambiare è dbname=, facendo seguire dopo il segno = il nome del database creato da voi. Seguono separati da virgole e apici il nome dell'utente del database e la sua password. Ora essendo $pdo un'istanza della classe PDO e quindi un suo oggetto su di esso possiamo applicare dei metodi, fra questi setAttribute che serve ad associare degli attributi all'oggetto della connessione e che sono quelli tra parentesi che vanno scritti allo stesso modo. Sono in pratica delle costanti php, dove la prima ATTR_ERRORMODE include la modalità di errore sollevato dal database che con la seconda costante ATTR_EXCEPTION trasforma l'errore in eccezione sollevata. Questo codice deve essere inserito in un blocco try-catch. Per chi conosce la programmazione ad oggetti il try racchiude tra parentesi graffe le istruzioni che tentiamo di eseguire e che potrebbero contenere degli errori per cui nel blocco catch noi catturiamo gli eventuali errori. Catch è un metodo che ha come argomenti la classe PDOException. Abbiamo in pratica sollevato una eccezione PDOEception che racchiudiamo all'interno di una variabile chiamata $e. Questa variabile è un'istanza della classe PDOException. Il blocco catch racchiuso fra parentesi graffe contiene il messaggio di errore in caso di problemi di connessione attraverso la funzione echo concatenata con la variabile $e che contiene l'eccezione. In sostanza $e non è altro che un'istanza della classe PDOException su cui eseguiamo il metodo getMessage() che mostrerà degli errori espliciti del database in caso di problemi. Ora provate a visitare la pagina e se è bianca vuol dire che funziona. Il codice dell'articolo è scaricabile dal seguente link

Pubblicato in Php
Etichettato sotto

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo